Cosa è AGI

 

AGI nasce nel marzo 2002, per iniziativa di un gruppo di avvocati giuslavoristi, da un’intuizione semplice. Gli avvocati giuslavoristi sono professionisti con una specializzazione molto particolare: il diritto del lavoro nelle sue molte, e complesse, sfaccettature. Basti pensare alle tematiche dei licenziamenti, individuali e collettivi, dei trasferimenti d’azienda, degli ammortizzatori sociali, della contribuzione previdenziale obbligatoria, e, più in generale, dei diritti dei lavoratori e della libertà d’impresa. Sono questioni che coinvolgono quotidianamente la vita di gran parte della popolazione.

 

Questa loro molto particolare e specifica competenza non aveva finora avuto riconoscimento alcuno. Non a livello professionale, perché la specializzazione, ancora oggi, non è riconosciuta dal nostro ordinamento. Non a livello “politico”, perché mentre il parere dei professionisti viene richiesto e tenuto presente in occasione di riforme, grandi e piccole, di diritto processuale e sostanziale civile e penale, nel campo del diritto del lavoro vengono tutt’al più interpellate le Università. L’esperienza di chi esercita la professione e vive quotidianamente i problemi dei lavoratori e delle imprese viene così perduta.

 

Da queste considerazioni nasce AGI, con due specifici obiettivi: chiedere, e ottenere, il riconoscimento professionale della specializzazione e il diritto di chiamarsi “specialisti”; chiedere, e ottenere, il riconoscimento del loro ruolo nella società civile per essere gli interlocutori delle forze parlamentari nel campo del diritto del lavoro. Come prima tappa, Agi ha ottenuto, nel novembre 2008 dal 29° Congresso dell'Avvocatura, l'ammissione tra le associazioni forensi maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

 

In questo percorso, iniziato con un raffronto con le situazioni professionali di altri paesi dell’Unione Europea (dove la specializzazione è ampiamente riconosciuta), AGI ha trovato alleati in altre associazioni professionali: dagli avvocati penalisti dell’UCPI, agli avvocati tributaristi dell’UNCAT, agli avvocati del diritto di famiglia e per i minori dell’AIAF, agli avvocati amministrativisti, che hanno problematiche analoghe, e si è posta il problema specifico, ben prima che venisse disciplinato su scala nazionale l’obbligo di formazione permanente per gli avvocati, di garantire la specializzazione dei propri associati.

 

AGI ha infatti individuato criteri oggettivi per far parte dell’Associazione, corsi di formazione per gli associati nelle tematiche specifiche di diritto del lavoro sostanziale e processuale, e ha fondato – in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine di Milano e con il patrocinio del Consiglio Nazionale Forense - una Scuola Nazionale di Alta Formazione in Diritto del Lavoro, riservata ai soli avvocati, con corsi biennali per complessive 320 ore a frequenza obbligatoria, con esame finale tenuto da Commissioni formate da un Magistrato del Lavoro, da un Professore Universitario in Diritto del Lavoro, e da quattro avvocati giuslavoristi. La Scuola ha inziato ad operare nel 2004, a gennaio 2013 inizierà il quinto biennio di corso (2013/2014).